Rubriche - Il calcio nel sedere

 

PERCHE’ ?  (Risposte a domande che vi assillano la mente)
- Torme di turisti bolognesi continuano a gettarsi imperterriti nel mare in tempesta, incuranti delle proprie  capacità natatorie, talora scadenti se non proprio nulle. Incoscienti ? Impazziti ? Resi effervescenti dall’Idrolitina del cav. Gazzoni ? Desiderosi di farsi praticare una respirazione bocca a bocca da nerboruti bagnini ?
No, vogliono semplicemente essere RIPESCATI. E pensare che nel 1993 fallirono (o meglio furono fatti fallire ad arte) ma rimasero egualmente nella stessa categoria, consegnati al paladino dei giusti, Gazzoni Frascara, per quattro soldi. Anziché lodo Petrucci, il lodo Pecci, come l’ex giocatore, al tempo consulente (molto interessato) del tribunale fallimentare. A Messina non hanno pagato l’IRPEF in tempo e di magagne ne hanno da vendere, ma quando sono falliti sono ripartiti dai dilettanti.
 

COSA MANCA ? (Completa la sequenza)
- Trofeo Berlusconi, torneo birra Moretti, Carraro, matrimoni di Totti e Del Piero, serie B al sabato pomeriggio, richieste di ripescaggio, Galliani, Preziosi, TAR, Gaucci …. .

Inserisci tu altre cose o persone che col calcio vero non hanno nulla a che fare

METTI NEL GIUSTO ORDINE DI VALORE (in calce la soluzione)
Argomento: Cesena calcio

Società, tetto ingaggi, curva Mare, stadio, stampa, giocatori

Stadio: da serie A (soprattutto se finalmente completato)
Curva Mare: come minimo da serie B
Giocatori: mediamente da serie C1 (sperando che si superino nuovamente)
Tetto ingaggi: da serie C2
Società: da serie D
Stampa: da 3° categoria (sarebbe da serie A se fossimo nella Germania Est di 30 anni fa)

IL CONFRONTO

Argomento: situazione del Cesena

Realtà
A Castori è stata consegnata una squadra molto giovane, una sorta di under 21 con pochi fuori quota. Una scommessa che il tecnico marchigiano cercherà di vincere nonostante alcune evidenti carenze, soprattutto nel reparto offensivo, più da serie C che da B. La perdita di Cavalli, che lo scorso anno ha retto da solo l’attacco, e soprattutto l’addio di Confalone, pesante anche dal punto di vista umano, privano il cavalluccio di due elementi che hanno segnato complessivamente 22 reti e sciorinato un rendimento elevato. La società continua ad arrangiarsi con pochi soldi, mantenendosi sempre sul filo del rasoio grazie all’opera di Foschi. L’increscioso episodio della doppia censura (Cuore Bianconero e il sito web “ilCesena.net”) ha lasciato una macchia piuttosto evidente nei rapporti tra dirigenza e ambiente. Ricucirlo non sarà facile e Lugaresi sa di lavorare con i fari puntati sugli occhi. Si aggiunga che l’auspicato cambio della guardia al vertice non è avvenuto nemmeno quest’anno. Non ci sono compratori o non si vuole vendere ?

Giornali cesenati
E’ un Cesena frizzante, che sprizza energia da ogni poro, quello consegnato a Castori. Il tecnico marchigiano ha preferito puntare su giovani affamati, anche a costo di rinunciare all’esperienza dei suoi colonnelli. Sarà il suo carisma a trascinare i promettenti ragazzi verso il traguardo della salvezza. I dubbi sull’attacco paiono più un capriccio di chi vorrebbe certi nomi, a costo di finire nelle grinfie della Co.Vi.Soc., che un reale problema. I ragazzi africani e il duo fatto in casa costituiscono un quartetto che stuzzica la fantasia dei tifosi: il cocktail esotico + nostrano potrebbe essere il menù del nuovo ristorante Cesena. Le sirene della serie A per Cavalli e degli euro per Confalone hanno impedito alla società di trattenere due elementi particolarmente apprezzati. Eppure Foschi è stato abile a costruire un team che avrà pure qualche incognita ma che nel complesso appare in grado di divertire la gente e centrare gli obiettivi prefissati. Probabilmente il Cesena non sarà al primo posto nella classifica del mercato estivo e magari chi ha comprato tanto nella prossima estate piangerà per l’esclusione dal campionato. D’altronde le recenti decisioni della F.I.G.C. inducono a guardare al bilancio con occhio attento: chi sgarra paga. Le facce allegre presenti al raduno dimostrano che l’ambiente è già pronto a riversare il proprio calore sulla nuova squadra. Gli episodi di attrito tra dirigenza e qualche tifoso “dissidente” fanno già parte del passato. L’unico obiettivo è il bene del Cesena. Anche perché di imprenditori interessati al cavalluccio non si vede neppure l’ombra. Allora, posto che a tutti piacerebbe avere un Abramovich alla presidenza, vista l’aria che tira è già un bell’andare avere ancora Lugaresi, essere in B e con le carte in regola.

CAMBIO DI NOME

In caso di nuova partecipazione alla serie B nonostante la retrocessione, il Pescara cambierà nome. Dopo i ripescaggi del 1986, del 2004 e del 2005 la squadra adriatica assumerà la nuova denominazione di RIPESCARA.

CAMBIO DI VOCALE A CESENA

Punta, Penta, Pinta, Pinto
 
A cura di - ZORRO -