Rubriche - Cesena nel mirino

E' finito il girone d'andata, si va in vacanza felici e contenti. Questo Cesena ha chiuso alla grande l'anno infilando quattro vittorie consecutive con quattro pretendenti alla promozione. Che carattere questo Cesena! Con Lumezzane, Spal, Cremonese e Verona è arrivato un filotto di vittorie impressionante che nemmeno il più pazzo dei bookmakers inglesi avrebbe osato pronosticare. La Bisoli-band ha finalmente trovato la quadratura giusta soprattutto a centrocampo dove i bianconeri avevano avuto grosse difficoltà. Con l'innesto di Sacilotto e le conferme di Segarelli e De Feudis ( scopertosi anche goleador da asporto ) nel reparto nevralgico del campo la squadra non soffre più. Quello che però impressiona è la condizione fisica della squadra che non molla mai su nessun pallone; anche la mole di gioco sviluppata dall'attacco bianconero è tale da impallinare gli avversari.

Motta sta dimostrando tutto il suo valore: dieci reti messe a segno e titolo di capocannoniere d'inverno; con questa media potrebbe battere il suo record di marcature ottenuto a Teramo. Veronese, da quando è tornato disponibile, ha equilibrato il reparto avanzato facendo quel lavoro sporco che s'addice alle sue caratteristiche. La crescita esponenziale di Giaccherini e la vena realizzativa di Chiavarini anche come rincalzo hanno permesso alla squadra il salto di qualità. Non per ultimo il reparto arretrato che pur vivendo qualche amnesia, frutto di errori dei singoli, sta vivendo un ottimo momento. Cusaro, chiamato a sostituire l'infortunato Biasi, ha dimostrato di valere ampiamente una maglia da titolare. Ceccarelli e Biserni, a mio modo di vedere, stanno facendo grandissime cose ed è difficile trovare una coppia di terzini così nel nostro girone. Lauro non sbaglia mai un pallone, difficile muovergli qualche critica. Su Nicola Ravaglia vorrei spendere una parola in più degli altri, perchè molte volte è criticato; credo che un portiere valido sia quello che fa la parata giusta nel momento giusto: Nicola ha dimostrato di saperlo fare e anche bene.

Il vero artefice però di questa ascesa è senza dubbio Pierpaolo Bisoli: capace di trovare l'assetto perfetto, di dare le giuste motivazioni e di non scoraggiarsi nemmeno nei momenti difficili (vedi alla voce Venezia). Il campionato, arrivato al giro di boa, incorona campione d'inverno la sorprendente ( ma neanche più di tanto ormai ) Pro Patria con Spal ad inseguire. Ma gli uomini di Dolcetti non sono in un momento brillantissimo e la pausa natalizia arriva nel momento giusto. Poi c'è il Cesena che se dovesse continuare così.... beh.... non diciamo niente per scaramanzia. Arriva gennaio, tempo di mercato. Un mese fa si parlava di fare un centrocampo nuovo, visto le non brillantissime uscite di Bonura e Zebi; ora credo che per non andare ad intaccare gli equilibri che si sono creati nello spogliatoio e in campo sia bene cedere chi ha avuto meno spazio e se proprio deve essere fatta qualche operazione in entrata spero sia valutata ponderatamente da tecnico e dirigenza. Un augurio di un felice e sereno Natale e uno spumeggiante inizio 2009 a tutti voi.

cesenanelcuore